Mafia e criminalità organizzata in Italia

Introduzione al termine mafia

La mafia è il nome di un’associazione criminale che è stata fondata in Sicilia nel 19 secolo, quando era conosciuto come “La Cosa Nostra”. Ciò significa praticamente che la mafia è organizzata da una catena di gang che condividono una struttura e un codice di comportamento simile, in cui uno degli elementi chiave è la “legge del silenzio”. I gruppi noti come famiglie o clan hanno la loro attività criminale e sono limitati all’area esatta, alle città o ai singoli distretti in Italia.

La mafia ieri e oggi

La parte meridionale dell’Italia ha permesso alla mafia italiana di diventare il più grande “sistema di business” del Paese, con un fatturato annuo di 140 miliardi di euro. Quattro grandi gruppi criminali organizzati – il siciliano Cosa Nostra,‘Ndrangheta Calabrese, la Camorra di Napoli e l’Unione di Sacra Corona dalla regione di Puglia – hanno diffuso una rete dei loro crimini in tutto il paese, usando la crisi economica per superare le imprese fallite ed espandere i loro lavori “legali”. Secondo uno studio delle associazioni dei datori di lavoro “Confesercenti”, mafiosi hanno ora riserve di “cache” di 65 miliardi di euro e un profitto annuo di 100 miliardi, che è sette per cento del prodotto interno lordo d’Italia.

La criminalità organizzata

Comprende la corruzione, il riciclaggio di denaro, la contraffazione di banconote, il traffico di commercio, il traffico di persone, la prostituzione, il traffico di droga, il commercio di beni rubati e beni culturali, il traffico di materiali nucleari, armi e munizioni, criminalità informatica, furto di veicoli, evasione fiscale, giochi d’azzardo illegale, omicidi su ordine, rapine a mano armata, rapimenti, estorsioni e altri crimini.

Giochi d’azzardo

Sono panna montata sulla torta di un’intera struttura della mafia. L’italiano medio adulto spende quasi 1.300 euro l’anno su slot machine, lotteria e scommesse sportive. Questo mercato è la terza più grande industria italiana (guadagnando 76 miliardi di euro) e lo sappiamo dal rapporto dell’associazione antimafia di “Libera”, presentata a Roma.

Eppure molto tempo fa, il gioco d’azzardo era controllato illegalmente dalla mafia in Italia, ma adesso è completamente sicuro e legale, e chiunque che vuole può giocare su Internet su siti Web affidabili.

Usura

L’usura è diventato un questione nazionale urgente nelle condizioni della crisi – ha avvertito Marco Venturi, presidente dell’associazione dei datori di lavoro. Secondo le nostre stime, a causa di “usura”, nel 2010 sono state chiuse 1.800 aziende e erano licenziati circa un migliaio di lavoratori. Le piccole imprese sono le più vulnerabili, circa 200.000 di loro sono diventate vittime  di usurai. Attualmente, “Mafia a.d. ” è l’unico appaltatore pronto per investimenti significativi. Ecco come la mafia ha superato le più grandi aziende italiane.

Sembra che il membro medio della mafia non è più un bullo con una pistola a cintura, ma un uomo d’affari moderno con un abito “fantasioso”, con un cellulare “intelligente” e una conoscenza finanziaria avanzata. Con la crisi economica, anche la disponibilità delle banche a prendere in prestito denaro ha diminuito, ei capi criminali sono stati appena grati. Disperati direttori e proprietari si sono rivolti alla mafia, dalla quale ricevono i prestiti. E poi viene eseguito il piano “la testa contro il muro”. Così i criminali divennero proprietari di varie aziende, negozi, ristoranti, casinò e entrarono in nuove aree, come la salute, il traffico, la logistica, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *